come-conservare-uva_grappolo

Tra fine estate e inizio autunno, la regina della tavola, è senz’altro l’uva! Ne esistono centinaia di varietà: dolce, aspra, acidula, chicchi grossi, piccoli, nera, bianca… tu quale preferisci?

Al di là dei gusti, però, una cosa è certa: conservarla può sembrare una sfida. È, infatti, un frutto molto zuccherino e questo facilita il suo processo di maturazione. Il trucco è acquistarne poca alla volta, ma abbiamo raccolto alcuni consigli per mantenerne la freschezza e la bontà più a lungo, anche a costo di qualche (deliziosa) trasformazione. 

L’uva al naturale

L’uva può essere mantenuta in frigorifero per circa una settimana. Per garantirti una conservazione ottimale, per un periodo più ampio possibile, ti consigliamo di utilizzare DuraDiPIù, il sacco frigo appositamente studiato per rallentare la naturale formazione di umidità prodotta dagli alimenti e prolungare il mantenimento delle qualità organolettiche, rallentando la degradazione in frigorifero. Lo trovi disponibile anche online: clicca qui!

Ecco altri suggerimenti utili per assicurarti una lunga conservazione:

  • Appena fatta la spesa, togli eventuali acini non in perfetta condizione, giunti a eccessiva maturazione, ma non lavare subito i grappoli se non li consumi immediatamente.
  • Il frigorifero è il miglior posto dove riporre l’uva perché il caldo è il suo nemico: se aspetti troppo tempo rischia di marcire oppure di perdere parte delle proprie proprietà organolettiche.
  • Evita di posizionarla a stretto contatto con altri cibi, perché assorbe facilmente gli odori.
  • Vorresti congelarla? Meglio di no, dato che, una volta scongelata, perderebbe compattezza e non sarebbe più buona.

Una dolce ricetta: uva sotto spirito

Se invece hai tanta uva da conservare per tutto l’inverno, ti consigliamo di farla sotto spirito e conservarla per quanto tempo vorrai! Per l’uva sotto spirito, ti servono solo:

  • 250 g di uva bianca
  • 80 g di zucchero
  • 0,5 l di grappa
  • 1 stecca di cannella
  • 1 chiodo di garofano

L’uva ideale per questa preparazione è quella bianca, con acini particolarmente grandi e saporiti. Lava e stacca gli acini dal grappolo, avendo cura di lasciare un pezzetto di gambo, quindi falli asciugare all’aria per un giorno. Sterilizza i barattoli in acqua bollente e lasciali asciugare. Dopo di che, versa gli acini, aggiungendo il chiodo di garofano e la stecca di cannella, completando con la grappa.

Sciogli in un tegame lo zucchero con una quantità di acqua sufficiente ad ottenere uno sciroppo denso, e versalo nel barattolo fino a coprire completamente. Poi, puoi chiudere ermeticamente e devi lasciar macerare il tutto in un luogo buio e fresco per circa due mesi prima di poter consumare l’uva. Ogni tanto, nel corso del periodo di macerazione, è necessario agitare il barattolo per evitare che gli acini possano attaccarsi.

Ed ecco qua, avrai dell’uva deliziosa da poter mangiare per tutto l’inverno!

Condividi: