come conservare la rucola - virosac magazine

Leggermente croccante, piccantina, molto saporita: la rucola o la ami o la odi. Come ogni insalata che si rispetti, è un ingrediente un po’ effimero, che si conserva solo pochi giorni… e solo se viene riposto in frigorifero con cura!

Questo succede per l’alto contenuto di acqua al suo interno, che porta le foglie a deperirsi più velocemente e rende sconsigliabile il suo congelamento.

Come conservare la rucola in frigorifero

Esistono tre diverse modalità di conservazione della rucola, che permettono di mantenerla al meglio per circa 3-4 giorni.

  • Con un sacchetto per frigorifero – Questo metodo è il più semplice, perché non sono necessari grandi passaggi. Fondamentale è però la scelta del sacchetto: DuraDiPiù Virosac è l’ideale, perché formulato per rallentare la naturale formazione di umidità del prodotto. Il risultato? Trasformare i 3-4 giorni di conservazione in quasi una settimana!
  • In una terrina – Per mantenere la croccantezza della rucola, sciacquala sotto acqua fredda corrente, riponila in una ciotola e scola l’acqua in eccesso, senza asciugare le foglie. Questo metodo è molto comodo se decidi di preparare in anticipo il contorno del giorno successivo (ad esempio se stai seguendo i nostri consigli sul meal prep!), ma occupa molto spazio in frigorifero.
  • In un canovaccio – Lava la rucola, asciugala e avvolgila in un panno di cotone pulito; conservala quindi in frigo per qualche giorno. Questo metodo è semplicissimo, ma attenzione alle fuoriuscite da altri contenitori: potrebbero cadere sullo strofinaccio e intaccare il gusto dell’insalata!

Pesto di rucola: conservare con gusto (e attenzione)

Come è facile intuire dai paragrafi precedenti, la rucola non è un ortaggio che si conserva a lungo, almeno non nella sua versione “naturale”.

Diverso è il discorso se parliamo di pesto: la rucola è infatti un valido sostituto al basilico, per una versione più piccantina e saporita del classico condimento genovese.

Una volta preparato e lasciato raffreddare, puoi infatti conservare il pesto di rucola in due diverse modalità: congelato in monoporzioni oppure nei classici vasetti in vetro sottovuoto, da riporre nella credenza.

Condividi:
Valeria Garbo
Scritto da Valeria Garbo
Social Media & Content Manager per i clienti di Cricket Adv. Appassionata di musica, viaggi e buona cucina!