come-conservare-il-cavolfiore

Il cavolfiore è uno dei tipi di cavolo più comuni in Italia, si trova facilmente soprattutto nei mesi invernali ed è noto per le sue proprietà antiossidanti, oltre che per il suo bassissimo contenuto calorico.

Ma come conservare il cavolfiore? Seguendo i nostri consigli, sarà facilissimo!

Come congelare il cavolfiore

Ti starai chiedendo se questo ortaggio può essere congelato. Ebbene sì, il trucco per mantenerne intatto il sapore e le proprietà è una leggera precottura.

Dunque inizia eliminando le foglie esterne, poi lavalo accuratamente per eliminare ogni impurità. A questo punto suddividilo in cimette e immergilo per circa tre minuti in acqua bollente, per poi passarlo rapidamente in acqua fredda e ghiaccio, così da bloccare il processo di cottura.

Dopo averlo asciugato bene con l’aiuto di un canovaccio, riponilo nei sacchetti per congelatore  (oggi puoi sceglierli anche in versione biodegradabile e compostabile: scopri subito la nuova linea di sacchetti Biofrigo!). In questo modo potrai conservarlo in freezer fino a un massimo di 12 mesi.

sacchetti biodegradabili e compostabili Biofrigo Virosac

Scopri tutte le caratteristiche di Biofrigo cliccando qui!

Come conservare il cavolfiore al naturale

Se invece preferisci conservarlo già cotto, così da averlo pronto all’uso per le tue ricette, la migliore soluzione è la conservazione al naturale.

Anche qui il primo passo è la pulizia e la suddivisione in cimette. In questo caso, dopo aver fatto bollire il cavolfiore in acqua salata, potrai richiuderlo all’interno dei barattoli di vetro insieme all’acqua bollente e un po’ di succo di limone.

Infine, sterilizza il tutto per circa 20 minuti, proprio come si fa con le conserve.

come-conservare-il-cavolfiore_cimette

La conservazione in agrodolce

Un’idea più sfiziosa è la conservazione in agrodolce. Dopo aver pulito il cavolfiore, versa in una pentola dell’olio di semi e dell’aceto, insieme a zucchero, sale e origano. Tuffa in questa soluzione le cimette e lasciale bollire per un paio d’ore.

A questo punto puoi riporre il cavolfiore nei vasi di vetro sterilizzati, seguendo lo stesso procedimento della conservazione al naturale.

Condividi:
Avatar
Scritto da Malika Franzo
Malika si occupa di social e content per Cricket Adv. Ha collaborato con il MuDeFri (Museo del Design del Friuli) e nel tempo libero è volontaria del FAI (Fondo Ambiente Italiano). Le piacciono le mostre d'arte, il mare in tutte le stagioni e i biscotti al cioccolato!