come conservare i cibi in estate

Quando le temperature si alzano, è facile che gli alimenti vadano a male velocemente, con conseguenti sprechi. Bastano però poche semplici azioni per conservare il cibo in estate in maniera efficiente, per la gioia del portafoglio e della nostra salute.

Spesso non ci si pensa, ma il cibo avariato (anche leggermente, a causa della temperatura) non è solo uno spreco, ma anche un pericolo: può causare gastroenteriti e tossinfezioni

Come conservare correttamente i cibi in frigorifero

Foto © Miele

A ogni alimento il giusto scomparto del frigorifero

La maggior parte degli alimenti freschi che consumiamo viene conservata in frigorifero. Sapete esattamente in quale ripiano posizionare i diversi cibi?

  • 7-10 °C: in questa zona, solitamente posta in basso con dei cassetti scorrevoli, va conservata la maggior parte della verdura. Anche alcuni frutti come pesche e albicocche vanno riposti qui quando la temperatura della cucina diventa troppo alta.
  • 4-5 °C: qui vanno conservati latte e uova (ai quali è solitamente dedicata una parte dello sportello laterale), formaggi, salumi e dolci a base di crema o panna.
  • 0-2 °C: è l’area dedicata a pesce, carne, molluschi e crostacei.

Se la temperatura della stanza non è troppo alta, cercate di conservare le verdure che lo consentono (come le zucchine e i cetrioli) e la maggior parte della frutta fuori dal frigo. Ricordate: mai sotto luce diretta, mai vicino a fonti di calore.

Ricordatevi inoltre di suddividere al meglio i cibi (qui trovate la selezione di prodotti Virosac perfetti per la conservazione in frigorifero), per evitare contaminazioni di gusti: abbiamo scritto al riguardo diverse guide.

come conservare il cibo in estate - frutta e formaggio in estate

Foto © Instagram / ashleystrongphotography

Quanto conservare il cibo in estate?

Cibi diversi, richiedono attenzioni diverse. Ecco alcuni punti chiave da ricordare:

  • Frutta e verdura
    Se dovete metterla in frigorifero, lavatela e asciugatela prima accuratamente. Se invece verrà lasciata fuori, a temperatura ambiente, cercate di consumarla entro qualche giorno.
  • Pesce
    Appena acquistato va lavato, pulito ed eviscerato; consumatelo quindi entro le 24h successive.
  • Latticini
    Cercate di mantenervi il più lontani possibile dalla data di scadenza. Nel caso di preparati freschi, non superate mai i 4 giorni dall’acquisto o dall’apertura. Dei formaggi abbiamo parlato nel dettaglio, avete già letto la guida?
  • Carne
    Pollo e tacchino possono essere conservati 3 giorni in frigorifero o fino a 6 mesi in freezer; il macinato va consumato entro 24 ore; la carne rossa e gli affettati non confezionati devono essere consumati tra i 2 e i 3 giorni dall’acquisto.
  • Uova
    Mantenetele nella confezione e cercate di consumarle il prima possibile, indipendentemente dalla data di scadenza.

Qualche consiglio aggiuntivo

Esistono ovviamente altre best practice da non dimenticare, soprattutto in estate.

  • Evitare contaminazioni
    I cibi cotti vanno da un lato, i cibi crudi dall’altro. Tutto va sempre chiuso in sacchetti o vaschette ad hoc.
  • Non interrompere la catena del freddo
    Il tragitto dal luogo d’acquisto a casa dev’essere il più breve possibile. Munitevi di una borsa frigo o di un prodotto simile per i surgelati.
  • First In First Out
    Il cibo acquistato per primo dev’essere anche il primo a essere consumato.
  • Il frigorifero va tenuto chiuso il più possibile
    Apritelo e chiudetelo velocemente, per evitare sbalzi di temperatura all’interno.

 

Condividi:
Valeria Garbo
Scritto da Valeria Garbo
Social Media Manager per i clienti di Cricket Adv. Beauty editor per Grazia.it, food & lifestyle blogger per AccidiosaV.com. Appassionata di musica, viaggi e buona cucina!