come-conservare-i-porri

I porri  sono un alimento davvero versatile in cucina, ma hanno lo svantaggio di avere una forma un po’ ingombrante. Come conservarli a lungo, ottimizzando anche gli spazi? Scopriamo insieme qualche semplice trucchetto.

La pulizia dei porri

Vediamo innanzi tutto qual è il modo corretto di pulire i porri.

La prima cosa che devi fare è eliminare la cosiddetta “barba” situata alla loro base (ovvero quei filetti di colore marrone posti all’estremità più bianca) e le foglie esterne di consistenza più fibrosa. Per fare questa operazione è consigliabile utilizzare un coltello in ceramica, perché il metallo tende ad accelerare il processo di deterioramento di questo ortaggio.

Una volta tolte queste parti, puoi lavarli bene con l’acqua corrente del rubinetto, così da eliminare tutte le tracce di terra e le impurità rimaste. A questo punto puoi scegliere di consumarli subito oppure metterli da parte per averne sempre una scorta pronta all’uso. Vediamo dunque come conservare i porri.

come-conservare-i-porri_rotelle

Come conservare i porri in frigorifero

Se hai intenzione di consumare in breve tempo tutti i porri che hai acquistato, allora li potrai conservare semplicemente in frigo, dove dureranno per una settimana circa.

Per mantenerli intatti più a lungo possibile, procedi in questo modo:

  1. puliscili dalla barba e dalle foglie verdi;
  2. avvolgi tutta la zona bianca con dei fogli di carta assorbente da cucina un po’ inumiditi;
  3. conservali all’interno di un Sacchetto 1000 usi, senza chiuderlo per lasciare passare l’aria.

Come congelare i porri

Per una conservazione più a lungo termine, invece, puoi congelare i porri, che in questo modo si manterranno intatti per circa 6/8 mesi.

Anche in questo caso, il procedimento non è difficile:

  1. pulisci i porri come abbiamo indicato sopra;
  2. tagliali a fettine sottili;
  3. disponili in uno strato unico su un’ampia vaschetta in alluminio, inserendo sopra e sotto uno strato di pellicola trasparente;
  4. lasciali congelare e poi conservali in pratiche porzioni nei sacchetti per freezer (consigliatissimi i nuovi sacchetti biodegradabili e compostabili: dopo aver consumato i porri, li potrai gettare nella frazione dei rifiuti umidi!)
Condividi:
Scritto da Malika Franzo
Malika si occupa di social e content per Cricket Adv. Ha collaborato con il MuDeFri (Museo del Design del Friuli) e nel tempo libero è volontaria del FAI (Fondo Ambiente Italiano). Le piacciono le mostre d'arte, il mare in tutte le stagioni e i biscotti al cioccolato!