come_conservare_i_fichi

Zuccherini e gustosi, i fichi concentrano la loro massima produzione in pochissimo tempo durante l’estate e sono difficilissimi da trovare il resto dell’anno: ma allora come conservarli?

Scopriamo diversi modi per assaporare la loro dolcezza anche nei mesi più freddi.

La marmellata di fichi

Uno dei metodi più classici per gustare il sapore dei fichi nei mesi invernali è preparare la marmellata.

Trattandosi di un frutto molto dolce, basterà una quantità minima di zucchero.

Il procedimento è quello classico. Dai fichi ben maturi dovrete togliere la buccia, per poi disporli a pezzetti in una pentola di acciaio con acqua e succo di limone. Mescolate a fiamma lenta per mezz’ora circa o comunque fino a quando non verrà raggiunta la densità desiderata.

Dovrete versare il composto ancora caldo in barattoli sterilizzati, da chiudere ermeticamente quando la marmellata risulterà più tiepida.

I fichi secchi

Un’alternativa golosa alla marmellata, per la conservazione di uno dei frutti più zuccherini che ci siano, è l’essiccazione.

Anche in questo caso si tratta di un procedimento abbastanza semplice, per il quale sono necessari però un ampio spazio al sole, meteo favorevole e un po’ di pazienza.

Dovrete disporre i fichi freschi, già giunti a maturazione, su un vassoio rivestito di carta forno e coprirli con una retina per proteggerli dagli insetti. A questo punto lasciateli essiccare al sole per almeno una settimana (in caso di clima umido saranno necessari più giorni).

Quando sarà terminato il periodo, sarà il momento di lasciarli dorare, passandoli in forno preriscaldato a 100°C per una decina di minuti (non prolungate troppo l’operazione, altrimenti i fichi risulteranno eccessivamente duri!).

Anche i fichi secchi andranno poi conservarti all’interno di barattoli sterilizzati.

come conservare i fichi secchi

I fichi caramellati

Un modo più originale per conservare i fichi è la loro versione caramellata (anche qui armatevi di pazienza perché ci vorrà un po’ di tempo!) .

Versate in una pentola di acciaio un bicchiere di vino bianco e disponete a strati i fichi interi, con abbondante zucchero e alcuni spicchi di limone. Coprite il tutto con un coperchio e lasciate riposare per una notte.

Il giorno successivo scopriteli e lasciate cuocere a fiamma bassissima per 8-10 ore, senza mai mescolare.

La cottura sarà ultimata quando il liquido risulterà di un colore simile al caramello e a questo punto i fichi potranno essere conservati in vasi di vetro sterilizzati.

Come conservare i fichi congelati

Vi state chiedendo se c’è un metodo molto più rapido per conservare i fichi? Ebbene sì, i fichi possono essere conservati anche in freezer.

Per farlo, però, dovrete scegliere accuratamente i fichi migliori, quelli senza ammaccature e non troppo molli.

Inoltre, prima di procedere al congelamento, andranno puliti con molta attenzione (non lavateli, altrimenti perderanno troppa acqua): sbucciateli tamponandoli con un canovaccio umido.

A questo punto disponeteli ben distanziati su delle ampie vaschette in alluminio lasciandoli in freezer per qualche ora. Una volta congelati, conservateli nelle buste frigo per massimo 6 mesi.

Condividi:
Scritto da Malika Franzo
Malika si occupa di social e content per Cricket Adv. Ha collaborato con il MuDeFri (Museo del Design del Friuli) e nel tempo libero è volontaria del FAI (Fondo Ambiente Italiano). Le piacciono le mostre d'arte, il mare in tutte le stagioni e i biscotti al cioccolato!