home office come fare raccolta differenziata sacchetti carta virosac ufficio casa

Perché parlare di home office?

Viviamo in un mondo in continua trasformazione, nel quale alle volte non abbiamo il tempo di abituarci a ciò che succede: il lavoro non sfugge a questa regola.

Internet e la tecnologia ci hanno dato la possibilità di lavorare senza problemi da qualsiasi posto nel mondo: è sufficiente “avere linea” e traffico dati nello smartphone per rendere la casa una seconda sede della nostra postazione in ufficio.

Smart working quindi, lavoro in mobilità e senza un posto fisso; lavoro intelligente che si adatta alla nostra vita, regalandoci senza dubbio la possibilità di gestire il tempo in modo migliore.

La casa, in questo contesto, diventa un vero e proprio posto di lavoro che, come tale, va pensato e costruito. Le regole per rendere lo spazio domestico un perfetto home office sono poche, ma ripensare la casa con qualche piccolo accorgimento può renderla ancora più confortevole per lavorare.

home office ufficio casa raccolta differenziata virosac sacchetti

Home office perfetto in 5 mosse

  1. Comodità prima di tutto
    Pensate a uno spazio della vostra casa da dedicare al lavoro. Sistemate la vostra scrivania e assicuratevi di avere una postazione comoda, con una sedia ergonomica e uno schienale anatomico e comodo.
    Lavorare dal divano può essere una buona idea ma a lungo andare la vostra schiena potrebbe iniziare a risentirne.
  2. Tutto il necessario vicino
    Assicuratevi di avere sotto mano tutto quello che vi serve quando lavorate.
    Dal blocco per gli appunti alle matite, dall’agenda con la vostra to do list al carica-batterie del telefono. Quando iniziate a lavorare radunateli tutti accanto a voi, proprio come se fosse la vostra scrivania in ufficio.
    Alzarsi ogni cinque minuti per raccattare per casa le cose che vi servono non aiuterà la vostra concentrazione.
  3. Un set per le conference call
    Preparate una postazione per le vostre video conferenze. Sistemate la vostra webcam e fate un po’ di prove, magari con un amico fidato all’altro capo della linea.
    Cercate l’angolazione migliore, la luce adatta e uno “sfondo” il più ordinato possibile: sarà questo il vostro set. Quando sentirete l’inconfondibile suono della chiamata di Skype sarete già pronti alla battaglia, magari ancora con il pigiama – ma sotto la scrivania.
  4. Arredamento familiare (ma non troppo)
    Scegliete i mobili che vi piacciono di più, circondatevi delle cose che vi piacciono.
    La vostra tazza preferita, il vostro pc, la lampada che vi accompagna dall’università e così via.
    Lavorare in un posto a voi così familiare vi permetterà di essere estremamente rilassati e, quindi, maggiormente concentrati su quello che dovete fare.
    Attenzione però alle cianfrusaglie: evitate di posizionare qualsiasi cosa possa creare confusione o portare a deconcentrazione.
  5. Uno spazio per la differenziata
    Dotate il vostro home office di una postazione per la raccolta differenziata, proprio come avviene – si spera – nel vostro ufficio.
    Dividete da subito i vostri rifiuti. Pensate a quanta carta utilizzate mentre lavorate ad esempio: vi farà già essere pronti al riciclo differenziato, senza ulteriori perdite di tempo.
    A darvi una mano, in questo caso, ci sono i sacchetti per la differenziata di Virosac. Una gamma completa di prodotti in polietilene e in materiali biodegradabili adatti ai più svariati usi domestici.

Un home office che possa essere, quindi, confortevole come il vostro ufficio e comodo come la vostra casa, con la consapevolezza che tutto il tempo che risparmiate per raggiungere il vostro posto di lavoro e per tornare potrà essere utilizzato per fare quello che vi piace di più.

Condividi:
Sonia & Letizia Cilente
Scritto da Sonia & Letizia Cilente

Blonde Suite è un magazine online fondato nel 2011 da Letizia e Sonia Cilente: è un luogo virtuale con l’obiettivo di divulgare la frivolezza attraverso uno storytelling originale, veritiero, ironico e di tendenza