buste spesa biodegradabili biolaccio virosac

La situazione ecologica dei nostri mari – ma non solo – peggiora di anno in anno, principalmente a causa dell’uso smodato della plastica non riciclabile, di una società consumistica che non limita gli sprechi e di una carente sensibilità alle buone norme della raccolta differenziata.

La Camera ha però deciso di fare la sua parte (come il Parlamento Europeo). Il 1° agosto 2017 ha approvato la legge di conversione del decreto legge Mezzogiorno, definendo nuove norme sulle borse di plastica leggere.

Dal 1 gennaio 2018 potranno essere utilizzate solo buste spesa biodegradabili.

buste-spesa-biodegradabili---grocery-shopping-tomatoes

Buste spesa biodegradabili: il decreto legge

A partire da gennaio 2018 ogni tipo di sacchetto utilizzato per il trasporto merci dovrà essere biodegradabile, anche se leggero oppure ultraleggero. Si fa riferimento a tutte le tipologie di sacchetti per imballaggio alimentare, includendo quindi anche le shopper per frutta e verdura.

I requisiti cumulativi sono:

  • biodegradabilità e compostabilità secondo lo standard internazionale Uni En 13432;
  • contenuto di materia prima rinnovabile di almeno il 40% (50% dal 2020, 60% dal 2021);
  • idoneità per uso alimentare;
  • vendita esclusivamente a pagamento.

A far discutere è stato soprattutto l’ultimo punto, riguardo la cedibilità dei sacchetti solo a pagamento (dovrà risultare a scontrino o in fattura d’acquisto). Si tratta però di una direttiva atta a reprimere pratiche illegali, come l’uso di diciture “sacchetti a uso interno”, per eludere la legge.

I sacchetti saranno solo biodegradabili e non ci sarà modo di fare altrimenti. Un passo verso una società più civile e attenta al futuro!

Con questa legge giunge a sua naturale conclusione un percorso virtuoso nel settore della bioeconomia e dell’economia circolare che fa dell’Italia un modello per tutta l’Europa.

È stato un cammino lungo, a tratti tortuoso, affrontato con la lungimiranza della buona politica e la tenacia della collaborazione instaurata tra policy maker, filiera della chimica verde e stakeholder della società civile. Questa è l’Italia di cui dobbiamo essere fieri: l’Italia che innova all’insegna di nuovi paradigmi produttivi in grado di coniugare ambiente e sviluppo, protezione del capitale naturale e creazione di posti di lavoro.

Marco Versari, presidente di Assobioplastiche

Virosac e le buste spesa biodegradabili

brevetto mater-bi - biodegradabile compostabileDal 1991 Virosac è specializzata nella produzione di prodotti biodegradabili e compostabili, arrivando ad avere oggi più di 50 referenze a catalogo. Fiore all’occhiello è la licenza d’uso N°1 del marchio Mater-Bi. Al riguardo è possibile leggere un’approfondimento nel sito istituzionale.

Tra le molteplici certificazioni, Virosac detiene anche la licenza d’uso del marchio Compostabile CIC, creato e gestito dal Consorzio Italiano Compostatori. Questo marchio attesta la completa compostabilità su scala reale in osservanza della norma UNI EN 13432:2002.

Condividi:
Valeria Garbo
Scritto da Valeria Garbo
Social Media Manager per i clienti di Cricket Adv. Beauty editor per Grazia.it, food & lifestyle blogger per AccidiosaV.com. Appassionata di musica, viaggi e buona cucina!